Nirvana.

Era ormai un anno che Lisa se n’era andata e io navigavo di nuovo in un mare scuro. Altre volte ne ero uscito, ma questa volta non avevo più stelle nell’anima. Non so se vi è mai capitato: ti svegli al mattino e il tuo solo desiderio è quello di sprofondare di nuovo nel buio, meglio senza sogni. Comunque non ricominciare a vivere. Non so dove siete in questo momento, ma provate a pensarci: il vostro sangue è diventato denso come catrame, i pensieri giacciono al suolo, come uccelli morti, il respiro è sospeso. La Okosama Star poteva andare affanculo. Inutile negarlo: mi ero perso. Adesso sto scivolando. I dati di caricamento del programma scorrono rapidi, al limite del mio campo visivo. Io resto qui, seduto in questa stanza d’albergo e aspetto. Il virus indiano non è ancora stato inserito, ed anche se tutto questo può uccidermi sono tranquillo; del resto siamo ancora sulla pista, non abbiamo ancora iniziato a volare.

Annunci

One thought on “Nirvana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...