Controvento.

E ti infili nei miei pensieri
Fra le virgole di questa voce di regime che in FM
Accompagna il mio viaggio.
Sono incroci di fari,
Dietro i fari altri viaggi, altre voci in FM e vite di passaggio…
Di là dal mare qualcosa di nuovo succede
E il profilo del tempo si piega:
Capire al volo, crepare,
Ma ne sfugge l’essenza ai vecchi padroni del mondo!
Il mio cuore batte a vuoto,
Mi manchi tanto…
Cerco di ricordare i tuoi occhi, il loro vero colore
Ma la radio a volte fa dimenticare…
Nuovi respiri in piazze lontane
I soliti stronzi nei nostri stadi
E un brivido lungo un sorpasso pensando a te che mi sorridi
Supero ogni limite di questo mondo che va troppo piano
Le tue unghie nella mia schiena sono un ricordo troppo lontano.
E altrove venti di cambiamento, nuovi voli con nuove ali
E qui solo un vento nero che porta temporali
E controvento ignoro i riti del traffico in questa trance di miele e aritmie cardiache
Urla un clacson, ignoro il ritmo del battito
Immagini di noi e dentro scariche elettriche
E penso a noi, una cosa sola: morderci fino a farci sanguinare,
E questo vento di novità che continua a fischiare
Con la schiena al vento ignoro i riti del traffico in questa trance di miele e aritmie cardiache
Non ti sento, perdo contatto in un attimo, freno e sfilano via queste scie ipnotiche
E in questo spleen di merda, la radio di stato che prevede schiarite
Controllo la rotta sulla linea della vita delle mie mani appassite…
Riparto attraverso la notte…

Annunci

Una risposta a "Controvento."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...