Finzione

La vita è un teatro dei passi perduti
Su cui tu, simil-ballerina, stai: socchiudendo gli occhi
Assaporo ogni tuo volteggio, io povero calabrone che non ha mai imparato a volare.
Eppure so che il mio inconcludente sbattere d’ali sarà sempre più naturale
Di ogni tuo volteggio prestabilito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...