Tic tac.

La solitudine
è un orologio che ticchetta in una stanza vuota – tic tac.
Dolce e regolare, il suo rumore rende semplice l’assuefazione, batte il ritmo del sangue che scorre nelle vene e si lega ad esso.
La meta, distinta sull’occidente desolato, si staglia decisa ed immobile già prefissata.
Tic tac.
Non sempre si desidera essere salvati: a che pro?
Ognuno è solo!

 
Eppure
C’è chi è più solo
Degli altri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...