1851

E l’ansia che non se ne va.
Intanto sei caduto in basso, mi dicono; io non controllo perché non vorrei dare l’impressione che m’interessi davvero.
Tanto vado via domani, o la settimana prossima, non importa – ciò che conta davvero è andare.
Sgranocchio popcorn mentre guardo la vita scorrere via ed il tempo sfiorare le mie dita. Sfiorisco come sfiorivano le viole secondo Rino Gaetano ed un’altra stagione è passata mentre cerco il mio equilibrio.
Ho smesso di aggrapparmi ai fili delle ragnatele sperando che riescano a sostenermi, adesso mi attacco piume sulle braccia cercando di volare via. E fanculo alle vertigini e a ciò che mi tiene ancorata che forse è semplicemente il mio peso ed il peso della mia anima a non andar bene.
Icaro in fondo ha soltanto sbagliato i suoi calcoli ed ha pagato la sua curiosità. Lucifero in fondo ha soltanto sbagliato approccio ed ha pagato il suo orgoglio.

Perché per un semplice errore si è segnati per così tanto tempo? Il mio è dire di sì troppo spesso – o forse dire troppi no: quando lo capirò riuscirò ad andare avanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...