#1920

La vecchia diva del cinema muto assiste impotente allo sfiorire della sua bellezza di porcellana e con forbici affilate ritaglia giornali che ormai nessuno sfoglia più. L’immobilità del suo mondo lentamente frana verso un oblio perlaceo senza che ella possa far nulla per opporsi: si sente inutile e soverchiata dalla forza prorompente del tempo che le schiarisce i contorni e le segna il corpo.
Cos’è rimasto, chiede, dei miei vanti giovanili, se non cicatrici stanche?
Cosa mi hanno recato in dono i miei sacrifici, s’interroga ancora, se non tardi rimpianti?
A cosa sono valse, sospira esausta, le mie vuote aspirazioni, se non a nebulose follie?

Annunci

One thought on “#1920

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...