#1948.

Mi sembra tutto così sporco, vecchio, decadente. La città cade a pezzi intorno a me.
Vecchie impalcature arrugginite si ergono qua e là, immobili ed estranee come torri poste di guardia ad un futuro ormai passato, al sogno interrotto di uno sviluppo industriale ed economico dalle cupe tonalità grigio fumo.

E poi l’atmosfera incendiata dai caldi raggi dell’alba diventa più nitida, rivelando i tratti di infinite attese dove tutto ha una sua fine e la cieca adorazione di idoli di sangue e cemento, nuovi eppure antichissimi sulle sponde nude del tempo che immoto e cangiante ne osserva le sorti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...